In particolare, l’Italia chiude i mesi di febbraio e marzo con una perdita del comparto turistico straniero del -79%

Il flusso turistico nei mesi precedenti ha inciso sensibilmente in tutta la filiera industriale. Per via delle restrizioni imposte dal Covid e per una serie di disposizioni diverse per ogni nazione si sono registrati pochissimi spostamenti.

In particolare, l’Italia chiude i mesi di febbraio e marzo con una perdita del comparto turistico straniero del -79%.

Per questo motivo risulta ancora più necessario rendere accessibile il nostro paese da chiunque, per risollevare una filiera industriale ferma al punto di partenza, ormai da svariati mesi.